Ambiente e verde pubblico

 
Assessorato all’Ambiente

 

ASSESSORE: Stefania Valente

DIRIGENTE: ad interim ing. Giovanni Ciampa; e-mail: giovanni.ciampa@comunecz.it; giovanni.ciampa@certificata.comune.catanzaro.it

SEDE: Corso Mazzini, 188

Servizi di Igiene urbana, raccolta rifiuti Rsu e pulizia urbana (Pasquale Scamardì, Gianfranco Rotundo, Nicola Lorenzo tel. 0961 881810-1807-1813 - fax 0961 881332)

Servizi di Igiene urbana, raccolta rifiuti Rd (Vito Cannistrà tel. 0961 881803 - fax 0961 881332)

Servizi di Igiene urbana, bonifica dei siti inquinati (Pasquale ScamardìNicola Lorenzo tel. 0961 881810-1813-fax 0961 881332)

Servizi di tutela ambientale, inquinamento atmosferico, emissioni fumi e polveri (Pasquale ScamardìLuigi Ciacci tel. 0961 881810-1808-fax 0961 881332)

Servizi di tutela ambientale, inquinamento acustico (Pasquale ScamardìLuigi Ciacci tel. 0961 881810-1808-fax 0961 881332)

Servizi di tutela ambientale, inquinamento ambientale (Pasquale Scamardì, Gianfranco Rotundo tel. 0961 881810-1807-fax 0961 881332)

Verde pubblico, parchi e giardini (Luigi CiacciNicola Lorenzo tel. 0961 881808-1813-fax 0961 881332)

Canile municipale, Oasi San Floro (Vito Cannistrà tel. 0961 881803-fax 0961 881332)

Servizio adozione: lun, merc. e ven. dalle ore 10.00 alle ore 12.00; dom. dalle ore 09.00 alle ore 11.00. Direzione amministrativa tel. 0961 709690; info 320 7404429 / 338 2302643 / 333 8378647. Responsabile: Filippo Granato)

Catasto incendi (Pasquale Scamardì, Nicola Lorenzo tel. 0961 881810-1813-fax 0961 881332)

ORARI APERTURA AL PUBBLICO: lun 15.30-17.00; merc 10.00-12.00; ven 10.00-12.00

 

^ TORNA SU ^

 

REGOLAMENTO COMUNALE ASSIMILAZIONE RIFIUTI 

 

 Raccolta Rifiuti Ingombranti

numero verde ingrombranti 

Il servizio di ritiro a domicilio dei rifiuti ingombranti avviene mediante richiesta telefonica da parte dei cittadini al numero verde 800 862 986. E' possibile telefonare dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13 e dalle 15.30 alle 18.30. Il sabato dalle 9 alle 13.

 

^ TORNA SU ^

 

 Raccolta Differenziata

Per ottenere informazioni o per effettuare segnalazioni, gli utenti possono rivolgersi alla ditta Si.Eco.Spa utilizzando il seguente numero verde 800 862 986 o visitando il sito internet www.raccoltadifferenziatacatanzaro.it

 

La società Si.Eco.Spa

E’ stata costituita nel novembre del 1999. La Società è amministrata da un amministratore unico, in carica a tempo indeterminato, il sig. Vasienti Marco Giovanni, investito del potere di amministrazione ordinaria e straordinaria. È iscritta dal gennaio 2000 presso la Camera di Commercio Industria ed Artigianato di Bari al n° 05452940728, ha sede legale in Triggiano (BA) alla Via Cesare Battisti s.n.. La SI.ECO S.p.A. opera nel campo dei servizi di igiene urbana ed ambientale, nell’attività di consulenza per la tutela dell'ambiente e recupero energetico, nonché nella raccolta e trasporto di rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi, nel pieno rispetto delle autorizzazioni amministrative necessarie allo svolgimento delle suddette attività. Il management dell’azienda è rappresentato da professionisti del settore dell'igiene ambientale che, con le relative specializzazioni, riescono a fornire alla clientela un ventaglio di servizi tali da soddisfare le richieste sia del settore pubblico sia di quello privato. Il parco autoveicoli e attrezzature è costituito da: autocompattatori idraulici a carico posteriore; autocompattatori idraulici a carico laterale; autoveicoli e rimorchi dotati di impianto scarrabile per cassoni e press-container intercambiabili, con portata da 35 a 260 q.li; autospazzatrici meccaniche e aspiranti; minispazzatrici aspiranti; lavacassonetti ad acqua calda complete di sistema per la sanificazione e sistema di lavaggio robotizzato, a carico posteriore e laterale; autocarri furgonati; motocarri attrezzati con vasca o con pianale; ciclomotori Ape 50; press-containers per rifiuti recuperabili; cassoni di varia metratura; cassoni con gru idraulica e ragno; cassonetti di varia tipologia e volumetria per la raccolta di rifiuti indifferenziati e differenziati; campane in vetroresina per la raccolta di rifiuti differenziati; contenitori per la “micro”-raccolta differenziata di rifiuti recuperabili non pericolosi e di rifiuti pericolosi, ad uso domestico, uffici, scuole, ecc.. Agli automezzi ed attrezzature si aggiungono inoltre i beni di consumo ed i prodotti necessari per l’espletamento dei vari servizi, per i quali vengono seguite specifiche procedure di controllo, analisi e verifica in fase di approvvigionamento. Tutti i veicoli e le attrezzature sono nuovi o di recentissima costruzione. Il parco autoveicoli è sottoposto a continui controlli, revisioni e manutenzioni per poter intervenire tempestivamente nella sostituzione o integrazione, al fine di evitare il più possibile disservizi.

 

^ TORNA SU ^

 

Parchi e Giardini Pubblici

 

VILLA MARGHERITA

villamargherita

Villa Margherita è un giardino pubblico situato nel centro cittadino di Catanzaro. È il primo parco cittadino. Inaugurata il 21 gennaio 1881 e progettata dall'architetto Andreotti, è stata arricchita dall'architetto Feher, con i suoi giardini estesi e lussureggianti. Sorge in via Jannoni sul terreno dell'odierna caserma dei Carabinieri, un tempo convento di Santa Chiara, a un'altitudine di 320 m.s.l. e ciò permette di godere di un panorama ricercato che spazia dai Monti della Sila fino alle opposte coste di Isola Capo Rizzuto. Il nome le venne assegnato in onore alla regina Margherita in occasione della visita della famiglia reale. Restaurata recentemente, ha ripreso la sua storica nomenclatura dopo un periodo, a partire dalla seconda guerra mondiale, in cui aveva preso il nome di Villa Trieste.

Nella seconda metà del secolo XIX la città di Catanzaro vive una sorta di rinascita socio–economica che si riflette nel campo delle scelte e decisioni tecnico-amministrative in materia di lavori pubblici a livello urbano. In questo clima di frenetica attività urbanistico – edilizia, si concretizza la felice idea di dotare la città di un giardino pubblico che Norman Douglas definì “meraviglioso” e François Lenormant, George Gissing ed altri descrissero per le ammirevoli e intrinseche caratteristiche paesaggistiche. Sindaco dell'epoca fu Francesco De Seta. Per sua volontà, dal 1878 al 1880, un impervio terreno utilizzato ad orto e vigneto venne trasformato nell'attuale villa, la cui peculiarità è da individuare proprio nelle caratteristiche orografiche tipiche del versante che ad Oriente costituisce le propaggini del più antico agglomerato della città. Il Piano di massima venne redatto nel 1875 e con Regio Decreto del 1876, venne dichiarata la pubblica utilità dei lavori in esso previsti.

Dal punto di vista urbanistico, ed in “chiave” moderna, la realizzazione della Villa comunale rappresenta il primo intervento di riqualificazione urbana operato nella città di Catanzaro. Il primo giardino pubblico della città, in occasione della visita della Famiglia reale, venne intitolato alla regina Margherita il 21 gennaio 1881. Oggi, le eccezionali caratteristiche naturalistiche ed ambientali di “Villa Margherita” risultano protette. Con D.M. 10 gennaio 1972, infatti, la zona comprendente la “Villa”, nonché le aree ed i fabbricati ad essa circostanti, sono stati dichiarati di notevole interesse pubblico ai sensi della L. 29 giugno 1939, n. 1497, sulla protezione delle bellezze naturali.

Istruzione e cultura

• La Biblioteca comunale Filippo De Nobili venne istituita il 2 giugno del 1889 grazie all'opera del sindaco Giuseppe Rossi e dell'assessore alla Pubblica istruzione Francesco Laratta. La sua denominazione iniziale fu Biblioteca municipale di Catanzaro “Onestà e lavoro”, mentre la sua prima sede fu al pian terreno del palazzo municipale. Ad essa venne in seguito aggregata la "Biblioteca Popolare" fondata nel 1910. In seguito ad un attacco di termiti fu, nel 1958, trasferita presso Villa Margherita. La nuova sede venne inaugurata il 4 novembre alla presenza del sottosegretario ai Lavori pubblici Tommaso Spasari; oratore ufficiale fu Umberto Bosco, all'epoca ordinario di Letteratura italiana presso la facoltà di Magistero romana. Sempre in questa occasione, fu onorato Filippo De Nobili che ne fu per circa quarant'anni, dagli anni '20 alla fine degli anni '50, bibliotecario. E' a lui che l'istituzione venne in seguito intitolata. 

• Il Museo provinciale "Villa Margherita" contiene collezioni di monete, vari reperti ed una raccolta di materiale preistorico.

 

VILLA "GUGLIELMO E FLORESTANO PEPE"

villapepe2

E’ un piccolo parco pubblico realizzato nel secondo dopoguerra, nell’ambito della sistemazione dell’area di Villa Menichini situata tra la chiesa dell’Osservanza e lo Stretto Cappuccini. Il giardino è caratterizzato da due scalinate, una centrale interna e una laterale che consentono di attraversarlo agevolmente. La villa è intitolata ai fratelli Guglielmo e Florestano Pepe, militari e patrioti.

 

PARCO "CARLO ALBERTO DALLA CHIESA" - EX GHIACCIAIA

parcodallachiesa

L’8 novembre 2012 il Parco ex Ghiacciaia, a seguito di una profonda riqualificazione dell’area, è stato riaperto al pubblico con una nuova denominazione: Parco Carlo Alberto Dalla Chiesa. Il sindaco Sergio Abramo, d’accordo con l’Arma dei carabinieri, ha deciso di regalare allcittà di Catanzaro il primo luogo intitolato al prefetto di Palermo trucidato trent’anni fa dalla mafia. Il nome e la figura del prefetto antimafia sono ricordati con una targa commemorativa collocata all’ingresso della Villa. All’interno del parco è possibile effettuare lunghe passeggiate nei viali delimitati da siepi o assaporare la calma del posto comodamente seduti su panchine disposte nel verde. E’ presente anche un’area giochi destinata ai più piccoli.

 

PARCO LI COMUNI - LOCALITA' SIANO

giardinolicomuni3

E’ un grande parco urbano ubicato nel quartiere Siano, a ridosso del centro storico. Si estende su una superficie di 700 ettari ed è pienamente fruibile dall’utenza cittadinaVistcome punto di riferimento per il turismo integrato mare-monti, l'area è attrezzata per il tempo libero, per l’escursionismo, per il trekking a cavallo e per l’attività didattica. Il parco della Pineta di Siano, finanziato con la L.64 per il Mezzogiorno, è stato disegnato dai progettisti incaricati dal Comune di Catanzaro. Sono tre le grandi aree presenti al suo interno: la prima, pari al 75% dell’intero territorio preso in esame, è interamente salvaguardata a fruibilità ridotta e specializzata (escursioni, itinerari guidati,ecc.); la seconda, pari al 24%, si presta a diversi usi ed è attrezzata a tale scopo; nella terza, pari allo 0,5%, si concentrano i parcheggi, gli spazi per la didattica, l’orto botanico, i laghetti e il teatro. E’ caratterizzato dalla presenza di numerose specie vegetali di tipo mediterraneo e da altrettante specie animali, che ne fanno un habitat quanto mai ricco e degno di tutela. Il Parco è un polo integrato turistico-culturale posto lungo un itinerario privilegiato di collegamento dei flussi turistici fra il mare Ionio e le pendici della Sila.

 

PARCO DELLA BIODIVERSITA' MEDITERRANEA

parcobiodiversit2

Situato all'interno dell'area della Scuola Agraria di Catanzaro, il giardino si estende per 114.200 mq (610.000 mq è l’estensione di tutto il parco). Nel Parco sono state realizzate aree a prato, un giardino botanico all'italiana (costituito da 20.000 nuove piante di siepi e tappezzanti, 2.000 piante d'alto fusto e 200 specie arboree) e due laghetti. Inoltre, sono presenti le seguenti strutture: un percorso jogging e ciclabile di 4,5 km; un'area pattinaggio di 2.561,28 mq; un parco giochi di 3.500 mq; un laghetto delle piante acquatiche; il laghetto dei Cigni; un labirinto verde; un anfiteatro da 700 posti; un'area bar; servizi igienici;un parcheggio di mq 1.665. Al suo interno ospita le sedi del Cras (Centro recupero animali selvatici), del Musmi (Museo storico militare “Brigata Catanzaro”) e del Corpo di Polizia. 

Per saperne di più http://www.parco.provincia.catanzaro.it/ 

 

^ TORNA SU ^

 

Animali d’affezione

 

CANILE SAN FLORO

Il canile di San Floro, gestito dalla Catanzaro Servizi, società del Comune di Catanzaro, è composto da due distinte aree: l’Oasi, che conta 33 box esterni e 6 riservati ai cani pericolosi, e il canile sanitario con i suoi venticinque box, di cui sei interni. Appena accalappiati i cani vengono portati nel canile sanitario, gestito dall’Asp, per essere sottoposti agli interventi di cui necessitano. Terminato il periodo di degenza stabilito, l’animale viene trasferito nell’Oasi, che è soggetta ai controlli delle Aree A e C dell’Asp, la quale deve autorizzare qualunque attività si intenda svolgere nel canile. Nella struttura del canile sanitario vi sono, inoltre, due ambulatori, una sala amministrativa, un ambiente che accoglie i cani in terapia e alcuni box in cui permangono gli amici a quattro zampe fino al termine delle cure, per poi essere trasferiti nei box esterni. Il cane lascia l’Oasi solo quando viene eventualmente dato in affidamento oppure alla sua morte. Un veterinario, assistito da alcuni collaboratori, si occupa del benessere dell’animale, della sua pulizia e della sua nutrizione. Il canile del Comune di Catanzaro rispetta le norme del regolamento nazionale sui canili. Chiunque volesse chiedere in affidamento un cane residente nel canile di San Floro, può contattare il numero telefonico 0961 709627.

 

LE REGOLE PER I CONDUTTORI DEI CANI

L’Ordinanza n.06 del 6 marzo 2013 fissa le regole per la salvaguardia delle aree pubbliche e per la tutela dell’incolumità pubblica, prevedendo obblighi di condotta per i detentori e per i proprietari di cani che, nell’accompagnamento degli stessi in aree e strade pubbliche, sono tenuti al rispetto di determinati accorgimenti.

 

^ TORNA SU ^

Informazioni aggiuntive

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente . Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie. Apri privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information