FOCUS/ Il Comune avvia il sostegno per inclusione attiva

c_150_100_16777215_00_images_FotoUfficioStampa_CoseNotevoli_casacomunale.jpg

 

L'assessore alle politiche sociali, Gabriella Celestino, ha reso noto che, in esecuzione del Decreto interministeriale del 26 maggio 2016 (pubblicato sulla gazzetta Ufficiale n. 166 del 18 luglio 2016), anche il Comune di Catanzaro ha dato il via al Sostegno per l'Inclusione Attiva (SIA). Si tratta di una misura di contrasto alla povertà che prevede l'erogazione di un beneficio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate nelle quali almeno un componente sia minorenne oppure sia presente un figlio disabile o una donna in stato di gravidanza accertata. Il sussidio è subordinato ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa, predisposto dal servizio sociale del Comune, che coinvolge tutti i componenti del nucleo familiare e prevede specifici impegni per adulti e minori sulla base di una valutazione globale delle problematiche e dei bisogni. Il beneficio è concesso bimestralmente – a seguito della verifica dei requisiti e dopo che l’INPS avrà dato disposizioni di accredito - e viene erogato attraverso una Carta di pagamento elettronica con la quale si possono effettuare acquisti in tutti i supermercati, negozi alimentari, farmacie e parafarmacie abilitati. La carta può essere utilizzata anche presso gli uffici postali per pagare bollette elettriche e del gas.

SCARICA AVVISO E MODELLO DI DOMANDA

Il richiedente (componente del nucleo familiare) al momento della presentazione della domanda e per l’intera durata dell’erogazione del beneficio deve essere in possesso dei seguentirequisiti: essere cittadino italiano o comunitario o suo familiare titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo; essere residente in Italia da almeno 2 anni; Requisiti familiari: presenza di almeno un componente minorenne o di un figlio disabile, ovvero di una donna in stato di gravidanza accertata (nel caso in cui sia l'unico requisito familiare posseduto, la domanda può essere presentata non prima di quattro mesi dalla data presunta del parto e deve essere corredata da documentazione medica rilasciata da una struttura pubblica); Requisiti economici: ISEE inferiore o uguale a 3mila euro; Non beneficiare di altri trattamenti economici rilevanti: il valore complessivo di altri trattamenti economici eventualmente percepiti, di natura previdenziale, indennitaria e assistenziale, deve essere inferiore a euro 600 mensili; Non beneficiare di strumenti di sostegno al reddito dei disoccupati: non può accedere al SIA chi è già beneficiario della NASPI, dell'ASDI o altri strumenti di sostegno al reddito dei disoccupati; Assenza di beni durevoli di valore: nessun componente deve possedere autoveicoli immatricolati la prima volta nei 12 mesi antecedenti la domanda oppure autoveicoli di cilindrata superiore a 1.300 cc o motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc immatricolati nei tre anni antecedenti la domanda.
Il modulo di richiesta – che potrà essere presentato a decorrere dal 2 settembre - è scaricabile dal portale del Comune, oppure collegandosi al sito www.inps.it o ritirato direttamente presso gli uffici del settore politiche sociali in via Fontana Vecchia, 50. Per qualsiasi informazione è possibile telefonare ai numeri 0961-881541/881510.


 

Informazioni aggiuntive

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente . Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie. Apri privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information